In questo momento delicato ho deciso di mettere a disposizione i miei insegnamenti senza richiedere un compenso. Fino ad ora ritenevo lo impensabile.

Questa azione è arrivata spontaneamente quando si è manifestata in me l’esigenza impellente di insegnare: mi sono sentita inutile  chiusa nella mia casa al riparo da parole e notizie negativa e allo stesso tempo ho realizzato che non posso vivere senza insegnare.

E’ un grande dono la possibilità mettere a disposizione gli insegnamenti di una vita e credo che ciascuno in questo momento possa trovare un piccolo momento di cura con una  lezione di yoga o di respiro o di meditazione. Ce ne’è bisogno!
Dare ciò che siamo in grado di dare in questo momento non è solo un’azione generosa, bensì un essere consapevoli dei nostri talenti e donarli al mondo, é mettere sul tavolo tutte le nostre capacità e non avere timore, è mostrarsi nudi con i proprio doni consapevoli che c’è un cuore che batte in noi che non sa rimanere immobile.
Gli insegnamenti ricevuti, che restituisco durante le mie lezioni, hanno un enorme valore; sono insegnamenti che vengono da lontano, ho avuto il privilegio di riceverli da Maestri di tutto il mondo  in momenti diversi e sono il frutto di anni di esperienze personali, spesso dolorose, spesso frustranti e faticose dove ho messo in gioco tutta me stessa. Sono il frutto di un grande sacrificio economico e personale, ma rappresentano anche il senso di una passione innata per la ricerca della verità e dell’essenza della vita.

Sono insegnamenti sacri, necessari e di sostegno per tutti in questo momento, allora li restituisco con gioia senza aspettarmi nulla in cambio e con la certezza che porteranno del bene.

Rita Casadio | Marzo 2020